I 10 Errori Più Costosi Quando Si Mette Una Casa In Vendita

stanza preparata alla vendita immagine

Pare che nel mercato immobiliare si stia assistendo ad una lieve ripresa. Io preferisco dire che in realtà la crisi si è stabilizzata. Ma forse è meglio non parlare più di crisi, bensì di caratteristiche del mercato immobiliare mutate rispetto ad alcuni anni fa. Prima si vendeva qualunque cosa, a qualunque prezzo ed in tempi brevi, ma oggi le cose sono cambiate. L'offerta è tanta, i tempi di vendita si sono allungati notevolmente e i prezzi si sono ridotti anche del 40% nelle zone popolari.


Se anche tu hai una casa da vendere, non disperare, nulla è impossibile, basta tenersi lontano dai seguenti errori.

1. Vendere la propria casa da soli

Cercare di vendere una casa da soli non è consigliabile. E' necessaria l'esperienza di un professionista. E i numeri non mentono: le case senza rappresentanza rimangono sul mercato più a lungo e finiscono per essere vendute ad un prezzo inferiore rispetto a quelle con un professionista al timone. Quindi non esitare, rivolgiti ad un agente immobiliare oppure, se vuoi spendere meno, ad un home stager.

2. Prezzo errato

Un prezzo troppo alto terrà lontani i visitatori e potenziali acquirenti. Ma anche prezzi troppo bassi alcune volte possono scoraggiare le visite, in quanto qualcuno potrebbe chiedersi cosa c'è che non va in quell'immobile. La cosa migliore è applicare il prezzo di mercato, e per fare questo puoi leggere questo post su come stabilire il giusto prezzo di vendita di una casa.

3. Trascurare riparazioni necessarie

Lo so che preparare la casa per la vendita non è una cosa che piace a molti, ma ti assicuro che è meglio sistemare le cose prima di metterla in vendita, piuttosto che avere visite di potenziali acquirenti che di solito vedono tutti i difetti mondo, anche quelli che non ci sono. Se non lo fai, è quasi garantito che i potenziali acquirenti offriranno meno del prezzo che richiedi tu, oppure passeranno ad altre case simili nella stessa zona. L'offerta è talmente tanta!

4. Il rifiuto di riordinare prima di mettere in vendita

Il disordine mangia il guadagno. Metti in ordine e vedrai che la tua fatica verrà ricompensata. L'ordine crea un senso di maggiore spazio. Togli tutti i soprammobili troppo personali e tutti i piccoli oggetti che ci sono in giro e mettili in un armadio o in garage, (meglio se non nel tuo perché i potenziali acquirenti visiteranno anche quello). Non ti costerà nulla liberarti temporaneamente di tutta quella roba, ma l'ordine farà la differenza al momento di vendere.

5. Vendere una casa completamente vuota

La visualizzazione di un casa vuota spinge gli acquirenti a pensare la stessa cosa: vuoto. Quasi tutti i professionisti immobiliari sono convinti sostenitori che una casa debba essere riempita almeno un po' o "preparata con l'home staging". Non preoccuparti, non devi per forza comprare nuovi mobili e accessori. Alcune cose le puoi noleggiare se vuoi, altrimenti, anche solo qualche apparecchio per l'illuminazione nei punti giusti e qualche pianta possono fare un'enorme differenza.

6. Lasciare che il proprio ego abbia il sopravvento

Molti venditori vogliono negoziare personalmente e tendono a rifiutare gli accordi reciprocamente vantaggiosi. Ricorda, questa è una transazione commerciale e statisticamente la prima offerta è sempre la più conveniente per il venditore. Quindi metti da parte il tuo ego e prova a pensare lucidamente.

7. Tralasciare informazioni importanti negli annunci pubblicitari

Troppi venditori perdono un sacco di soldi e tempo perché hanno paura di rivelare informazioni importanti sulla propria casa. Ma è tutto inutile, perché tanto alla prima visita i potenziali acquirenti si accorgeranno di quello che non va. Per esempio, tralasciare di scrivere nell'annuncio che l'appartamento è al quarto piano senza ascensore, ti permetterà sì di avere più visite, ma in questo modo perderai un sacco di tempo in più: quelli che vogliono assolutamente l'ascensore pensi che non si accorgano che non c'è?

8. Posticipare le visite

Cerca di essere disponibile il più possibile per le visite e anche per il rogito. Fare posticipare la vendita anche di un solo mese può costarti un sacco di soldi in extra tasse. Pensa se dovessi andare a rogito a gennaio invece che a dicembre solo perché hai preferito andare a sciare durante le vacanze di Natale!

9. Non considerare le spese ordinarie e straordinarie per il mantenimento di una casa

Ok, non hai eccessiva fretta di vendere e preferisci aspettare qualche mese prima di abbassare il prezzo di 10mila euro. Ma sai quanto di costa una casa che rimane sul mercato per qualche mese in più? Pensa alle utenze, alla tassa rifiuti, alle spese condominiali ordinarie e a quelle straordinarie se capita che l'assemblea condominiale deliberi per esempio di ristrutturare il tetto, o sostituire il portone del palazzo. E pensa, come ho già detto nel punto 8, alle imposte se slitti la vendita all'anno successivo. Davvero alla fine pensi di aver guadagnato 10mila euro in più? Prova a fare i conti e vedrai....

10. Utilizzare fotografie di qualità scadente

Troppi venditori utilizzano il cellulare per fare alcune foto della casa da inserire nelle inserzioni. E cosa dire delle fotografie che si vedono online della camera da letto con i calzini per terra o del bagno con gli asciugamani tutti appallottolati? Ricorda che più del 90% di tutti gli acquirenti inizia la ricerca di una casa online, quindi è meglio assicurarsi di creare un annuncio accattivante, e questo lo si fa con una bella descrizione e con foto professionali.

(Immagini prese a credito da muzcast.com)

Post di: Studio Home Staging Bologna